Islamic Relief compie 34 anni al servizio dell’umanità

Islamic Relief ha celebrato il suo 34° anniversario Mercoledì 17 Gennaio.

L’organizzazione umanitaria internazionale, che ha salvato e trasformato la vita di più di 110 milioni di persone in tutto il mondo, è stata fondata nel 1984 dal Dr Hany El-Banna ed altri studenti dell’Università di Birmingham in risposta alla crisi di siccità in Africa.

Nel giro di un anno dalla prima donazione di 20 centesimi ricevuti da Bassem, il nipote di 9 anni del Dr El-Banna, Islamic Relief ha iniziato il suo primo progetto, sponsorizzando una fattoria di polli, ed ha aperto il suo primo ufficio sul campo a Khartoum. Quello stesso anno -1985- i fondatori hanno affittato un piccolo ufficio a Moseley, nella periferia meridionale di Birmingham, ed hanno raccolto un’ ulteriore somma di €100.000 in risposta alla crisi di siccità in Sudan.

Nei cinque anni successivi Islamic Relief è cresciuta rapidamente ed ha iniziato ad operare in diversi paesi, inclusi Mozambico, Iran, Pakistan, Malawi, Iraq e Afghanistan, dove ha risposto alle emergenze distribuendo indumenti e cibo, offrendo assistenza sanitaria ed iniziando un progetto a lungo termine che oggi corrisponde al programma di adozione a distanza.

Islamic Relief ha fornito supporto in risposta a vari disastri negli ultimi 34 anni in Italia ed in tutto il mondo. A partire dai tragici terremoti in Abruzzo, Emilia e la recente tragedia di Amatrice, agli attuali conflitti in Siria e Yemen, lo tsunami che ha colpito l’Asia nel 2004, il terremoto che ha colpito il Kashmir nel 2005 o le inondazioni che hanno devastato il Pakistan nel 2010.

La nostra organizzazione oggi ha più di 100 uffici in più di 40 paesi. Lo scorso Ottobre il Nepal è stato il paese più recente ad aver registrato Islamic Relief come ONG ed è in procinto di costituire un ufficio sul campo.