Iraq

Nonostante il ritiro delle truppe straniere, l’ONU stima che ogni giorno muoiano 100 persone in Iraq. Oltre alla violenza in corso, le interruzioni di corrente, la scarsità d’acqua e l’aumento dei prezzi del carburante rendono la vita quotidiana insopportabile per gli iracheni.

Con le infrastrutture distrutte dalla guerra, i sistemi idrici e sanitari danneggiati consentono la diffusione di malattie come il tifo, il colera e la dissenteria e gli ospedali faticano a far fronte, con medicine e forniture critiche a malapena disponibili.

Islamic Relief in Iraq

Islamic Relief ha iniziato a lavorare in Iraq nel 1997, fornendo attrezzature mediche agli ospedali per aiutarli a combattere la leucemia e altre malattie. Distribuiamo alimenti a Ramadan e durante Eid al Adha, a migliaia di famiglie irachene, e sosteniamo gli orfani attraverso progetti a loro dedicati.

Poiché eravamo già presenti prima dell’inizio del conflitto, siamo stati una delle pochissime agenzie di aiuto che sono rimaste e hanno sostenuto il popolo iracheno durante tutto il conflitto. Oltre all’assistenza immediata, come la distribuzione di cibo d’emergenza e le attrezzature sanitarie, abbiamo anche riparato diverse scuole e centri sanitari che sono stati gravemente danneggiati durante il conflitto.

Oggi continuiamo ad aiutare a ricostruire un Iraq distrutto, istituendo un centro per la cura della tubercolosi e fornendo risorse sostenibili di acqua potabile, oltre a continuare il nostro lavoro con scuole e centri sanitari. A causa dei conflitti nelle aree circostanti, sosteniamo anche migliaia di sfollati, compresi i rifugiati dei conflitti siriano e palestinese, che sono fuggiti dai loro pericolosi paesi d’origine per cercare sicurezza in Iraq.

© Copyrights 2020 Islamic Relief Italy, Inc. All rights reserved. 97325770150

DONAZIONE RAPIDA