I vostri aiuti sono arrivati a Gaza

Grazie al tuo supporto, Islamic Relief sta fornendo urgenti kit medici per sostenere gli ospedali di Gaza, spinti ad un punto di rottura a causa dell’incremento recente delle violenze. Continua a supportarci.

Più di 50 palestinesi sono morti nelle ultime settimane sotto gli spari israeliani. Le vittime erano coinvolte in grandi manifestazioni pacifiche vicino ai confini israeliani, quando sono iniziati gli attacchi.

“C’è un urgente bisogno di ambulanze, aiuti medici di emergenza e personale qualificato per curare i pazienti”, afferma Muneeb Abu-Ghazaleh, a capo della Missione Gaza di Islamic Relief.

“Con scorte limitate e scarso supporto, gli ospedali sono ad un punto di rottura e stanno davvero lottando per far fronte all’ingente crisi. Abbiamo visitato ospedali dove i pazienti vengono curati sul pavimento, da medici volontari piuttosto che personale qualificato. Sono necessari almeno 10 milioni di dollari per garantire che le persone vengano adeguatamente curate.”

Islamic Relief è sul campo e, in coordinazione con il Ministero della Salute, ha identificato i bisogni urgenti. Grazie al tuo supporto, gli aiuti stanno raggiungendo Gaza e il nostro team sta rifornendo i principali ospedali e cliniche della Striscia di Gaza – incluso quello di Al-Shiffa – con medicinali e forniture mediche urgenti ed essenziali per salvare i pazienti.

Il focus di Islamic Relief solitamente sono i bambini, i giovani e le famiglie più vulnerabili”, afferma Muneeb Abu-Ghazaleh. “Ma in un’emergenza come questa dobbiamo dare la priorità alle persone rimaste ferite o colpite.

L’allentamento del blocco potrebbe migliorare drasticamente la situazione, aiutando la popolazione a ricostruirsi una vita, lavorare e istruirsi. I kit medici non sono coperti dal blocco, quindi siamo in grado di fornirli, ma abbiamo bisogno di ulteriori fondi per poterlo fare.”

Continua ad aiutarci a salvare vite a Gaza questo Ramadan.

Processing...
Thank you! Your subscription has been confirmed. You'll hear from us soon.
Iscriviti alla nostra newsletter
ErrorHere