possono fornire kit igienici, coperte, materassi
possono fornire 50 pasti pronti
possono fornire assistenza sanitaria di emergenza e aiuto psicosociale
Inserisci l'importo

12€ al mese possono aiutarci a rispondere alle emergenze globali
24€ al mese possono aiutarci a rispondere alle emergenze globali
36€ al mese possono aiutarci a rispondere alle emergenze globali
Inserisci un altro importo

L’attacco dell’ottobre 2023 a Gaza non ha precedenti in termini di morti e distruzione, causando un impatto profondo e terribile sulla vita dei palestinesi.

A più di sei mesi dall’inizio dell’escalation, si sono già verificate significative perdite di vite umane e distruzioni di infrastrutture, che avranno conseguenze socioeconomiche sia a breve che a lungo termine, nonché deprivazioni a lungo termine e un declino dello sviluppo umano in tutto il territorio palestinese occupato.

La guerra ha causato danni considerevoli in tutta l’enclave palestinese e si stima che abbia sfollato più dell’85% dei 2,3 milioni di abitanti della Striscia di Gaza, lasciando molti di loro non protetti ed esposti alle intemperie, senza accesso costante a cibo, acqua o medicine.

Islamic Relief  continua a condannare fermamente ogni forma di violenza contro i civili e a chiedere un cessate il fuoco immediato e duraturo.

Dal 7 ottobre, almeno 38.794 palestinesi sono stati uccisi inclusi 16.054 bambini e 10.700 donne e più di 89.364 feriti. Più di 10.000 persone disperse, di cui quasi il 70% sono bambini e donne.

Tra i morti si contano 160 giornalisti, 500 operatori sanitari e 79 operatori della protezione civile.

Nella Cisgiordania oltre 498 persone sono state uccise e almeno 4.950 ferite.

Nella Striscia di Gaza, si stima che gli attacchi abbiano distrutto decine di migliaia di case e 4 persone su 5 siano state costrette a fuggire dalle proprie case. Molti di loro sono costretti a cercare rifugio nelle scuole e negli ospedali e hanno urgentemente bisogno di cibo e altri beni di prima necessità.

Ci sono anche gravi problemi sanitari dovuti alle scarse condizioni igienico-sanitarie e al sovraffollamento. Sono stati segnalati focolai di epatite A, che è altamente contagiosa e rappresenta solo uno dei crescenti rischi di malattie a cui sono esposti i civili di Gaza.

A peggiorare le cose, il sistema sanitario è sull’orlo del collasso, a causa della diffusa distruzione e del danneggiamento degli ospedali. Le strutture mediche operative sono estremamente inadeguate e sovraffollate, con segnalazioni di centri che ospitano un numero di pazienti tre volte superiore alle loro capacità.

La situazione è estremamente terrificante. Scrivo queste parole e la mia casa trema a causa degli intensi bombardamenti… Da adulto che ha vissuto decine di escalation negli ultimi anni, mi sento terrorizzato. Sento che questa volta potremmo non essere in grado di sopravvivere… Gli attacchi aerei stanno distruggendo tutto. Non riesco a immaginare Gaza dopo la fine di tutto questo e che sopravvivremo. Non riesco a pensare alla distruzione che vedremo.

Operatore di Islamic Relief a Gaza

Mentre le condizioni peggiorano rapidamente, Islamic Relief rimane salda nella sua determinazione ad assistere le famiglie palestinesi. Lavorando a stretto contatto con i nostri partner locali, stiamo distribuendo beni essenziali alle famiglie colpite.

La risposta di Islamic Relief a Gaza

Il nostro team a  Gaza è sul campo e sta attivamente rispondendo all’emergenza ogni giorno, dal 7 ottobre, attraverso la distribuzione di aiuti essenziali e salvavita, tra cui:

Al 17/07/2024 i nostri team a Gaza hanno distribuito e/o implementato:

  • Forniture mediche – 2.274.000 articoli
  • Pacchi alimentari – per 20.900nuclei famigliari
  • Voucher alimentari – per 4.245 nuclei famigliari
  • Verdure fresche – per 237.143 nuclei famigliari
  • Pasti pronti – 6.358.509 pasti
  • Alimenti pronti per il consumo – per 152.613 nuclei famigliari
  • Beni non alimentari (coperte, materassi, cuscini, vestiti, utensili) – per 37.587 nuclei famigliari
  • Acqua – 9.534.723 persone
  • Kit igienici – per 60.738 nuclei famigliari
  • Articoli per la pulizia – per 704 rifugi
  • Supporto psicosociale – per 87.170 bambini
  • Adozione orfani – 11.776 orfani
  • Servizi sanitari – 6.599 persone
  • Servizi-igienico sanitari – 70.044 persone

Distribuzioni di Ramadan 2024 / 1445 AH

  • Pasti caldi (completato) – 645.504 pasti
  • Regali di Eid al Fitr (completato) – 2.630 bambini

Distribuzioni Eid al Adha 2024/1445 AH

  • Regali di Eid al Adha (completato) – 1.265 bambini

Distribuzioni in collaborazione con il WFP

  • Pasti pronti – 22.051.445 pasti
  • Pacchi alimentari – 150.773 pacchi
  • Supplementi nutritivi lipidici – 85.873 persone

*In media una famiglia è composta da 6 persone

Vi preghiamo di comprendere, che a causa della natura delicata dei nostri sforzi di risposta, acquisire e condividere contenuti mediatici è impegnativo. Continueremo a condividere foto e video non appena saranno disponibili, rispettando la privacy delle persone interessate. La nostra priorità rimane sostenere la comunità locale e rispettare l’elaborazione del loro lutto. Vi ringraziamo per la comprensione e il sostegno.

Più di 7 milioni di pasti caldi distribuiti durante Ramadan 

Alhamdullilah, questo Ramadan, grazie alle vostre generose donazioni, il nostro staff a Gaza ha distribuito più di 7 milioni di pasti caldi e pronti nel mese sacro.

Vi lasciamo con un messaggio dal nostro staff e dai beneficiari.

Grazie per aver donato un Ramadan di speranza.

Operiamo in Palestina dal 1997

Forniamo aiuti umanitari nei Territori Palestinesi Occupati dal 1997, fungendo da ancora di salvezza per le comunità alle prese con gli effetti devastanti dell’occupazione, del blocco e dei conflitti ricorrenti.

Mentre le famiglie palestinesi affrontano nuove sofferenze a Gaza, vi chiediamo di aiutarci a fornire gli aiuti umanitari necessari.

Con il vostro sostegno, Islamic Relief rimarrà un’ancora di salvezza per le famiglie palestinesi.

Dona ora & aiutaci a salvare vite in Palestina

Perché donare all’emergenza Palestina attraverso Islamic Relief?

Islamic Relief ha iniziato a lavorare nei Territori Palestinesi Occupati nel 1997, fornendo aiuti d’emergenza e sostegno nutrizionale, educativo e psicosociale alle famiglie della regione.

I nostri team forniscono anche assistenza medica di emergenza, biancheria da letto, buoni pasto e altri aiuti essenziali alle famiglie sfollate e ai più bisognosi.

Islamic Relief chiede aiuti internazionali per sostenere la ricostruzione delle infrastrutture danneggiate, rafforzare le reti sanitarie ed elettriche e fornire supporto psicosociale.

Islamic Relief condanna fermamente ogni violenza contro i civili. Chiediamo la fine immediata dell’escalation di violenza poiché qualsiasi ulteriore escalation aumenterà inevitabilmente le vittime civili.

Anni di conflitto significano

  • 80% della popolazione dipende dall’assistenza umanitaria per sopravvivere
  • 95% della popolazione non ha accesso all’acqua pulita
  • 50% della popolazione di Gaza non ha cibo a sufficienza
  • 60% dei bambini è anemico e molti bambini soffrono di crescita stentata a causa della malnutrizione

In che modo le tue donazioni stanno facendo la differenza per il popolo palestinese

Islamic Relief ha iniziato a lavorare nei Territori Palestinesi Occupati nel 1997. Da allora abbiamo:

  • Sostenuto circa sei milioni di persone
  • Implementato progetti per un valore di quasi 110 milioni di euro
  • Riparato e restaurato oltre 1.500 case a Gaza
  • Fornito acqua potabile a oltre 1 milione di persone in scuole e strutture sanitarie
  • Sostenuto oltre 300.000 bambini e oltre 15.000 orfani
  • Consegnato cibo a Ramadan e Adahi/Qurbani a circa 200.000 persone su base annua
  • Aiutato oltre 2.000 famiglie a guadagnarsi da vivere in modo affidabile

Le tue generose donazioni possono avere un impatto salvavita: aiuta la Palestina e dona ora.

I giovani della Palestina hanno bisogno del tuo aiuto

Il blocco ha isolato Gaza dal resto del mondo, paralizzando l’economia e intrappolando i residenti, compresa una generazione di giovani che non hanno alcuna speranza nel futuro.

La paura e la mancanza di speranza per il futuro sono diventate la norma tra i giovani di Gaza. Chiediamo a tutti gli attori di garantire che la protezione dei giovani palestinesi sia considerata una questione primaria, che siano affermati i principi di protezione derivi dal diritto internazionale umanitario.

Chiediamo a tutti gli attori di garantire la sicurezza dei giovani che attraversano le frontiere per accedere ai mezzi di sussistenza.

Come puoi aiutare la Palestina?

Un terzo delle persone in Palestina vive al di sotto della soglia di povertà. Migliaia di famiglie stanno lottando contro difficoltà finanziarie. Le tue donazioni possono sostenere la Palestina con l’aiuto di cui ha bisogno.  Allah (SWT) dice nel Sacro Corano:

“Non cade una foglia senza che Egli non ne abbia conoscenza.” – Al An’am | 6:59

Con il tuo sostegno Islamic Relief può aiutare a fornire un supporto vitale per aiutare a ricostruire la Palestina nelle aree più colpite dal conflitto.

FAQs – La risposta di Islamic Relief a Gaza

Che tipo di sostegno fornisce Islamic Relief ai palestinesi?



Nonostante la situazione estremamente difficile e pericolosa, Islamic Relief sta aiutando migliaia di persone a Gaza con aiuti vitali tra cui cibo, forniture mediche e acqua. Il nostro team sul campo a Gaza sta lavorando a stretto contatto con le organizzazioni partner locali per raggiungere questo obiettivo.

La portata e l’ubicazione dipendono dalla situazione della sicurezza, poiché i bombardamenti estremamente pesanti e indiscriminati su Gaza comportano un elevato pericolo per il nostro personale, i nostri partner e le comunità che serviamo. La maggior parte delle nostre distribuzioni negli ultimi giorni sono avvenute nelle tre aree centrali e meridionali di Gaza, chiamate Area Centrale, Khan Younis e Rafah.

Quali sono i bisogni prioritari in questo momento?



Le priorità principali includono carburante, attrezzature mediche, cibo e acqua. L’ “assedio totale” di Israele dal 7 ottobre significa che tutte queste risorse scarseggiano criticamente. La piccola quantità di aiuti trasportati a Gaza dal 21 ottobre, a seguito di un accordo per istituire un corridoio umanitario attraverso il confine meridionale di Gaza con l’Egitto, non è affatto sufficiente

In che modo Islamic Relief riceve gli aiuti?



Israele ha assediato la Striscia di Gaza, consentendo l’ingresso solo di una piccolissima quantità di cibo, medicine, acqua e altri beni vitali.

Stiamo lavorando con agenzie delle Nazioni Unite come il Programma Alimentare Mondiale, che attraverso il valico di Kerem Shalom portano cibo che poi distribuiamo. Siamo anche riusciti a portare alcune coperte e kit igienici attraverso il valico di Rafah, e cerchiamo costantemente di farne arrivare altri.

Nonostante le enormi sfide, il nostro team a Gaza e i nostri partner locali forniscono aiuti ogni giorno. Finora abbiamo cucinato oltre 4 milioni di pasti pronti per le famiglie sfollate nei rifugi sovraffollati e distribuito aiuti come 44.000 kit per l’igiene o la dignità che includono articoli come sapone, pannolini per neonati e articoli per l’igiene mestruale per donne e ragazze. Ma non è abbastanza e abbiamo un disperato bisogno dell’accesso di maggiori aiuti a Gaza.

Islamic Relief, in collaborazione con due organizzazioni partner locali, sta distribuendo le forniture disponibili a Gaza, provenienti dalle scorte limitate ancora disponibili sui mercati o dalle scorte di emergenza che abbiamo messo in atto attraverso il nostro Piano di preparazione alle catastrofi.

Lo staff di Islamic Relief a Gaza sta bene?



L’attuale situazione a Gaza è estremamente pericolosa e molti operatori umanitari, personale medico e autisti di ambulanze sono stati uccisi.

Finora, nessun membro del personale di Islamic Relief è stato ferito o ucciso, anche se almeno due hanno perso familiari nei bombardamenti. Stiamo facendo tutto il possibile per sostenerli in questo momento. Il nostro ufficio principale a Gaza City è stato gravemente danneggiato dai bombardamenti, ma fortunatamente non c’era personale in quel momento e nessuno è rimasto ferito.

Tuttavia, nell’attuale situazione di bombardamenti pesanti e indiscriminati sui quartieri popolati, è impossibile garantire la sicurezza di nessuno. Come molte persone a Gaza, la maggior parte del nostro personale è stato costretto a fuggire dalle proprie case e sta cercando di proteggere se stesso e le proprie famiglie, fornendo allo stesso tempo aiuti salvavita.

Cosa chiede Islamic Relief?



Islamic Relief chiede un cessate il fuoco immediato e il rispetto del diritto internazionale. Chiediamo inoltre un flusso sostenuto, significativo e senza ostacoli di aiuti attraverso il confine dall’Egitto e che il divieto di consegna di carburante venga revocato senza indugio.

In che modo Islamic Relief garantisce che gli aiuti raggiungano le persone più vulnerabili?



In circostanze normali, il personale di Islamic Relief e i partner locali effettuano valutazioni dei bisogni e si concentrano sulle comunità che hanno maggiormente bisogno di aiuti di emergenza.

Nel contesto attuale quasi tutti i civili a Gaza sono vulnerabili a causa della mancanza di cibo, acqua e assistenza medica. Circa 1.4 milioni di persone hanno dovuto abbandonare le proprie case e necessitano di sostegno.

Islamic Relief sta aiutando quante più persone possibile e la nostra risposta si rivolge il più possibile ai più vulnerabili, come gli sfollati, i bambini, gli anziani, le persone con disabilità e le vittime civili.

In che modo Islamic Relief garantisce che non si abusi degli aiuti?



Islamic Relief dispone di politiche e processi rigorosi per garantire che gli aiuti vengano utilizzati per lo scopo umanitario previsto.

Esaminiamo attentamente tutte le organizzazioni partner prima di collaborare con loro, per assicurarci che siano rispettabili, affidabili e condividano il nostro impegno verso i principi umanitari di imparzialità, neutralità e indipendenza.

Effettuiamo inoltre controlli approfonditi per garantire la qualità del loro lavoro, comprese le politiche e i processi che hanno in atto per gestire i fondi in modo appropriato e salvaguardare le persone nelle comunità che serviamo.

Posso donare la mia Zakat alla risposta all'emergenza?



Si, puoi donare la tua Zakat

Ultime dalla Palestina

© Copyrights 2024 Islamic Relief Italy, Inc. Tutti i diritti riservati. 97325770150

DONAZIONE RAPIDA