Il mio unico desiderio è vivere in sicurezza con i miei figli, a casa nostra

Heba è una vedova di 34 anni e madre di due figli, Amir (12 anni) e Nadim (10 anni). Questa è la sua storia.

Aiutaci ad aiutarli. Dona ora


Heba, 34 anni, Gaza City

Nel recente bombardamento di Gaza, ho dovuto fuggire da casa nostra. I miei figli ed io tremavamo di paura. Abitiamo sul tetto ora, in una casa composta da due stanzette, il soffitto è in lamiera.

Grazie ad Allah, siamo riusciti a scappare di casa. Quando i bombardamenti sono cessati, siamo rientrati, ed ho scoperto che le lamiere erano cadute per l’intensità dei bombardamenti. A quel punto non riuscivo più a stare in piedi, mi limitavo a sedermi per terra.

So che se fossimo stati a casa, avremmo perso la vita. La sensazione peggiore è che non ti senti al sicuro a casa tua a causa dei bombardamenti, e sappiamo che la nostra casa non è in grado di proteggerci.

Francamente, prego sempre Allah che la guerra non ci sia più. Il mio desiderio è che io e i miei figli possiamo vivere in sicurezza, senza paura.

La mia casa ha bisogno di essere sistemata e ricostruita, ad alcune stanze mancano tegole, tetto e finestre, così come la cucina e il bagno.

Non posso ricostruire la mia casa da sola. Mi prendo cura dei miei figli da otto anni dopo la morte di mio marito e, purtroppo, non ho un lavoro.

Le lamiere causano un caldo estremo e questo ha influito sulla mia salute. Soffro di allergie, e con il caldo intenso mi vengono la febbre e il mal di testa.

Spero in futuro che i miei figli vengano istruiti, continuerò a prendermi cura di loro e a soddisfare le loro esigenze per aiutarli a costruire un futuro migliore.

Vorrei esaudire i desideri di tutti i miei figli, ma quando mi chiedono quando la nostra casa sarà finita, quando avremo una stanza separata per dormire, non so cosa rispondere, questo mi fa sentire impotente.

Spero di trovare qualcuno che mi sosterrà nel realizzare il mio sogno di ricostruire la mia casa ed il tetto. Sono stanca di insetti e roditori. Non dormo la notte per paura che uno dei miei figli possa farsi male.

Migliaia di persone sono rimaste traumatizzate e senza una casa. Aiutali a ricostruire le loro vite. Dona oggi o avvia una donazione mensile.