La nonna rifugiata siriana che ha salvato 5 vite

In questa Giornata Internazionale della Donna, vogliamo raccontarvi la storia di una nonna rifugiata siriana: Umm Ahmad. A 73 anni, ha 9 nipoti, e viveva felicemente con loro prima dell’inizio del conflitto. La nonna ricorda i momenti felici nel suo villaggio fuori Idlib, dove è cresciuta, è andata a scuola e si riuniva con tutta la sua famiglia.

“Non solo eravamo autosufficienti, ma eravamo noi a sostenere altre famiglie bisognose.” (Umm Ahmad)

Un’esplosione che ha cambiato tutto

“Eravamo felici nel nostro villaggio e non avevamo bisogno di nulla”, ci ha detto Umm Ahmad. “Eravamo agricoltori. Riuscivamo a guadagnarci da vivere. Non solo eravamo autosufficienti, ma eravamo noi a sostenere altre famiglie bisognose.”

“Ci sono voluti alcuni mesi prima che la crisi si espandesse e raggiungesse le aree vicine al nostro villaggio. Una notte, c’è stata un’esplosione che hanno avvertito tutti i residenti. Non potrò mai dimenticare quell’esplosione”. Quel suono è stato l’inizio di un nuovo capitolo della vita di Umm Ahmad. Mentre l’area veniva colpita da razzi, barili esplosivi e attacchi aerei, lei e la sua famiglia fuggivano nell’oscurità. Attraversarono un campo e si nascosero in una grotta fino a quando la situazione non sembrò calmarsi.

“Quando mio figlio andò a controllare la casa ed a cercare provviste, tra cui l’acqua per i bambini che erano terrorizzati, i razzi improvvisamente iniziarono a colpire di nuovo il villaggio. Dopo un lungo ritardo, abbiamo scoperto che mio figlio, padre dei miei cinque nipoti, è stato ucciso in quell’attacco aereo… Diò è sufficiente per noi ed è il migliore ordinatore di affari.”

Una nonna alla ricerca di sicurezza

Senza cibo, acqua e riparo, la nonna prese i nipoti e si diresse presso un campo di sfollati lì vicino. All’età di 73 anni, ha mostrato un’incredibile resilienza di fronte alla crisi ed è sicuramente motivo di salvezza per i suoi 5 nipoti.

Ci sono migliaia di altre storie come quella di Umm Ahmad in Siria. Storie di donne forti che hanno tenuto le loro famiglie al sicuro a qualsiasi costo. Ed hanno lodato Allah (swt) ad ogni passo.

Nel primo campo c’erano così tante persone che le organizzazioni umanitarie non erano in grado di coprirne i bisogni. Hanno aspettato tre giorni prima di poter ricevere una tenda, per poi spostarsi in un altro campo, dove accadde lo stesso.

“Abbiamo perso tutto, incluso il nostro sostentamento, e avevamo bisogno di un aiuto continuo.” (Umm Ahmad)

Alla fine arrivarono in un altro campo, dove le diedero una tenda il secondo giorno di permanenza. Questo è stato anche il campo in cui Umm Ahmad ha incontrato gli operatori di Islamic Relief.

Questa è la storia di molti rifugiati, che lottano per trovare un rifugio. Con la situazione attuale di Idlib, molte persone si sono ritrovate in una condizione di sfollamento per la settima o ottava volta.

Una famiglia adottata da Islamic Relief

Nel nuovo campo, Umm Ahmad è stata indirizzata ad Islamic Relief. “Islamic Relief è venuta e ha segnalato i nostri bisogni urgenti. Il giorno successivo sono tornati con teli di plastica, coperte, sigillanti per tende e pacchi alimentari per noi e per numerosi altri sfollati appena arrivati. Grazie a Dio e a voi per gli elementi essenziali che ci fornite.”

“Mi avete ricordato loro padre, che portava sempre vestiti nuovi, ogni anno. Considero Islamic Relief come la nostra famiglia…” (Umm Ahmad)

“Islamic Relief ci ha fornito continuamente tappeti, tende, coperte e pacchi alimentari. Ci hanno anche costruito servizi igienici. Inoltre, hanno fatto sorridere i miei nipoti, distribuendo indumenti invernali di alta qualità, delle giuste taglie ed in base alle preferenze dei bambini. Questo è stato il primo aiuto nel suo genere che ha fatto dimenticare ai bambini di mio figlio la tristezza della loro condizione, e che li ha resi estremamente felici.”

“Mi avete ricordato loro padre, che portava sempre vestiti nuovi, ogni anno. Considero Islamic Relief come la nostra famiglia in quanto svolge il ruolo di padre per i miei nipoti. Ci avete fatto riaffiorare ricordi felici del passato. Questo ha alleviato tremendamente i nostri dolori e la nostra tristezza.”

Puoi continuare a sostenere persone come Umm Ahmad, facendo riaffiorare il sorriso sui volti dei loro figli. DONA ORA per il popolo siriano.