9 modi per rafforzare la spiritualità mentre restiamo a casa

Sono tempi strani e difficili. E nel mezzo di tutto questo caos, mentre facciamo del nostro meglio per restare a casa, abbiamo una domanda: quanti di noi hanno mantenuto i buoni propositi per l’anno nuovo pensati a gennaio?

Tempo di riflessione e lavoro su se stessi

Nessuno a gennaio si sarebbe mai immaginato che in poche settimane saremmo stati costretti all’isolamento per proteggerci da una pandemia globale. Ora ci troviamo distanti l’uno dall’altro, cercando di tenere d’occhio i nostri cari e di proteggerci da una malattia che non comprendiamo ancora del tutto.

Ogni giorno porta con sé notizie di ulteriori cambiamenti a cose che abbiamo dato per scontato. Dalle manifestazioni sportive annullate, allo smart working, alle scuole chiuse, ai ristoranti che possono solo consegnare a domicilio, tutte queste misure di sicurezza stanno cambiando la nostra realtà.

Ogni anno, rinnoviamo i nostri buoni propositi per migliorarci. La maggior parte di noi lascia stare già nei primi mesi perché non abbiamo mai “abbastanza tempo”. Ora, inaspettatamente, ci ritroviamo con tanto tempo a disposizione. Ora non dobbiamo affrettarci ad andare a lavoro la mattina e non dobbiamo preoccuparci di cene fuori o attività ludiche, tutte cose fuori discussione.

Ora ci ritroviamo faccia a faccia con noi stessi. Senza le distrazioni esterne, chi siamo? Come passiamo il nostro tempo? Forse, in un mondo che ci stava definendo eccessivamente in base a chi siamo in pubblico, questo è un promemoria per lavorare altrettanto duramente su chi siamo nel privato.

Forse è il momento di spazzare via la polvere dalle vecchie idee e riconsiderare i nostri buoni propositi di inizio anno. E forse, possiamo anche usare questo tempo per rafforzare la nostra spiritualità prima di Ramadan, mentre restiamo tutti a casa.

Molti di noi guardano il mese di Ramadan come un momento di ricarica. Per tutto l’anno, attendiamo con impazienza i suoi benefici e le sue benedizioni. Organizziamo iftar in famiglia, preghiere comunitarie e cogliamo l’opportunità per fare del bene ed essere la versione migliore di noi stessi.

Ma siamo tutti consapevoli che quest’anno Ramadan potrebbe essere molto diverso, se continueremo a restare a casa, e la nostra sfida sarà quella di sviluppare nuove abitudini per raggiungere i nostri obiettivi durante il mese benedetto. Senza le distrazioni che di solito distolgono la nostra attenzione dalle cose importanti, potremmo cominciare ora.

Un piccolo sforzo quotidiano può prepararti ad accogliere il Ramadan di quest’anno con felicità e serenità, piuttosto che tristezza e ansia. Questi momenti di lavoro interiore per rafforzare la spiritualità daranno i loro frutti nel momento in cui ne avremo più bisogno. Ecco alcuni consigli:

Approfitta del tempo extra a casa di mattina e di sera

Ora che non abbiamo più spostamenti faticosi che tolgono ore dalla nostra giornata, possiamo creare routine mattutine e serali. Stabilisci abitudini sane che possono aiutarti ad avere una transizione migliore verso le abitudini del suhur e del iftar.

1- Crea una routine mattutina senza fretta

Non è il momento di dormire fino all’ora in cui si inizia a lavorare. Anche se rimani a casa, alzati comunque presto e fai una buona e sana colazione. Se hai del tempo in più, perché non provare a lavorare su progetti personali (come lo stretching mattutino che hai sempre voluto fare)? Idealmente, il lavoro non dovrebbe essere l’inizio della giornata, ma piuttosto una parte della tua mattinata. E, poco a poco, puoi iniziare ad anticipare la sveglia, per avere più tempo.

2- Prendi l’abitudine di recitare le tue invocazioni mattutine

Forse non puoi fare visita ai tuoi colleghi per una pausa caffè mattutina, ma puoi riconnetterti con la tua spiritualità. Allontanati dalla tua scrivania ogni mattina per 15 minuti per recitare salawat sul Profeta (pbsl), duaa che ti aiutino a lavorare meglio e magari anche un pò di dhikr. Questo può aiutarti ad alleviare lo stress. E sarà un’abitudine che potrai mantenere durante tutto il mese di Ramadan e dopo, quando si spera tutto sarà tornato alla normalità.

3- Stabilisci una routine per andare a dormire che ti aiuti a rilassarti

Sei già stato sul pc tutto il giorno. E molto probabilmente hai passato la serata tra Netflix e notiziari. Quindi, considera di implementare un pò di “igiene del sonno” prima di andare a letto (cerca quella frase su internet per ulteriori idee). Spegni gli schermi e leggi un libro. Connettiti con la tua famiglia. Magari pratica quell’hobby che accantoni da tempo. Questo ti aiuterà a far crescere la concentrazione interiore ora e durante il mese di Ramadan, durante il culto notturno.

Dedica del tempo ogni giorno ai tuoi progetti, sia personali che individuali

Di nuovo, utilizza il tempo extra come un’opportunità per lavorare sui progetti che “se solo avessi il tempo”… Hai sempre desiderato praticare un nuovo hobby? Questa è la tua occasione. Prepararsi al meglio per Ramadan memorizzando parti del Corano? Ora non hai più scuse.

4- Non affrettarti nelle preghiere

Ci siamo tutti lamentati almeno una volta della nostra mancanza di khushu (concentrazione) nelle preghiere e delle volte in cui abbiamo dovuto farle di fretta. Ora hai la possibilità di prenderti tutto il tempo necessario, a casa tua. Inizia facendo il wudu con cura. Rinnova la tua intenzione. E poi, prenditi il tempo che ti serve, recitando duaa e dhikr, Rendilo davvero un momento di riconnessione con il tuo Signore.

5- Crea un piano ed attieniti ad esso

Ragiona su quando lavorerai sui tuoi progetti ogni giorno e blocca quell’oretta nella tua agenda. Dì alla tua famiglia che non vuoi essere disturbato in quel momento e disattiva tutte le distrazioni, come le notifiche del telefono. Dedicati davvero solo a te stesso. Allo stesso modo, sii specifico su ciò su cui lavorerai in quel momento. “Ho intenzione di memorizzare il Corano”, non è utile. Decidi la sura e decidi i giorni in cui farlo. In questo modo, quando arriva il momento, devi solo eseguire il tuo piano.

6- Non provare a fare troppe cose contemporaneamente

E’ molto facile per noi essere così ambiziosi da voler provare a cambiare tutto in una volta. Questa è una strada sicura verso un fallimento doloroso, purtroppo. La motivazione è una risorsa limitata nella nostra psiche. Più, la usiamo, meno ne abbiamo. Quindi, se inizi troppe cose contemporaneamente (es: acquisire una nuova abilità E memorizzare una sura del Corano E iniziare un nuovo hobby), una o più cose non andranno a buon fine e avrai sicuramente più probabilità di rinunciare a tutte. Quindi, fissati piccoli obiettivi raggiungibili, e celebra quelle vittorie.

Trova modi per mantenere i legami comunitari mentre rimani a casa

Soprattutto in tempi difficili, troviamo conforto e senso di appartenenza quando stiamo insieme. E, sebbene le circostanze siano piuttosto insolite, è importante non lasciare che lo stress provocato da ciò che sta accadendo crei ancora più separazione e distanza tra di noi. In effetti, l’isolamento sociale può peggiorare le condizioni di salute mentale e fisica preesistenti. Quindi, ecco alcune idee su come possiamo continuare a stabilire quei legami di comunità ed essere presenti l’uno per l’altro.

7- Preparate la cena insieme

Il cibo è un linguaggio universale che condividiamo tutti. Cenare insieme ogni giorno offre a tutti la possibilità di connettersi e rilassarsi a fine giornata. Per semplificare le cose, fissa un orario per incontrarvi e rendilo un lavoro di gruppo. Dividetevi i compiti, che si tratti di cucinare, apparecchiare la tavola, riscaldare gli avanzi o preparare un’insalata. Allineare i programmi di tutti è un ottimo modo per costruire una routine utile anche durante Ramadan.

8- Stabilisci le preghiere come un momento di riunione famigliare

Pregare assieme alla tua famiglia, al coniuge o al compagno di stanza è un modo per infondere conforto e serenità. Non è solo un atto lodevole per ottenere maggiore ricompensa e perdono, ma è anche un mezzo per riportare la calma e gestire la nostra ansia in questi tempi difficili. Questi momenti quotidiani di preghiera collettiva saranno i tuoi momenti preferiti durante Ramadan. Anche se vivi da solo, sintonizzati su programmi online che aiutino a promuovere quel senso di comunità ricarichino la tua spiritualità.

9- Scegli la misericordia, la compassione e la carità

E infine, questo è il momento migliore per praticare la gentilezza e la generosità. Come famiglia umana, questa pandemia ci insegna a lavorare insieme per garantire la salute, la sicurezza e la dignità di tutti. E’ un promemoria di come deve essere la nostra risposta al dolore altrui, come un corpo unico, dove se un arto fa male, l’intero corpo reagisce con veglia nei suoi confronti. Poiché oggi siamo consapevoli delle benedizioni che diamo per scontate e dei privilegi di cui godiamo, è la nostra occasione per condividere queste benedizioni con chi si trova in difficoltà.

Speriamo che questi suggerimenti ti aiutino ad iniziare un percorso di crescita interiore che ti porti a realizzare i tuoi obiettivi. Un giorno senza le distrazioni a cui siamo abituati è un’occasione per dare la priorità alla nostra spiritualità. Facendo queste scelte consapevoli, possiamo anche prepararci in anticipo per il periodo più benedetto dell’anno ed essere davvero pronto per accogliere Ramadan.