CAR la vita di una famiglia nella repubblica Centrafricana

Ibrahim Mahamat è un padre di famiglia che ha lasciato tutto per sfuggire alle sofferenze che vive la popolazione nella Repubblica Centrafricana (CAR). Abbiamo incontrato lui e i suoi nove bambini a Gore Transit, un campo profughi nel vicino Ciad. Dal momento che lui e la sua famiglia fuggirono di casa, Ibrahim ha lottato per adattarsi alle condizioni di vita del campo. “Cuciniamo in mezzo al verde, ci laviamo all’aperto e non abbiamo servizi igienici. Ci ha detto: “Siamo in una situazione difficile al momento, speriamo che qualcosa cambi”. La famiglia vive in un rifugio di fortuna che non è altro che una piccola tettoia costruita con rami e vestiti come copertura. “Non abbiamo alcun reddito ora”, ci ha detto, “Abbiamo lasciato tutto quello che avevamo a casa nostra nella Repubblica Centrafricana “.

 

La fame è una realtà 

Attualmente la famiglia dipende dai buoni che ricevono dal Programma Alimentare Mondiale (PAM). Questo significa che hanno circa 4.000 CFA (€6) al mese attraverso cui comprare cibo. “Ci affidiamo a PAM per il cibo ma nonostante questo non basta. Non dura tutto il mese. Sono il capofamiglia ma non c’è modo per fare soldi. Devo ancora trovare un modo per garantire alla famiglia almeno una stabilità alimentare”. Ibrahim è frustrato dalla mancanza di opportunità di guadagnarsi da vivere. La famiglia – anche i bambini – raccolgono la  legna che vendono per guadagnare un po ‘di soldi. Islamic Relief intende collaborare con il PAM per aumentare gli aiuti alimentari alle famiglie come quella di Ibrahim.

I bambini hanno perso la possibilità di un’educazione

Non ci sono strutture per l’istruzione nel campo di transito. Alcuni dei residenti sono insegnanti e organizzano classi per i bambini senza nemmeno i materiali di base come la carta o le lavagne. La maggior parte dei bambini trascorre il suo tempo aiutando i genitori e per questo motivo Islamic Relief vuole fornire agli insegnanti gli strumenti di base di cui hanno bisogno in modo che i bambini nei campi di transito possano riprendere la loro istruzione.

Ibrahim teme inoltre che i servizi sanitari nel campo di transito non siano in grado di soddisfare le esigenze di tutti i nuovi arrivati​​. Recentemente ha subito un attacco di malaria e ed è molto preoccupato riguardo ciò che accadrà se qualcuno della sua famiglia si ammalasse.

Trasferirsi in un nuovo campo

La famiglia di Ibrahim si trasferirà una volta che la costruzione del nuovo campo sarà ultimata. Il sito, progettato per ospitare fino a 20.000 nuovi arrivi da CAR, avrà ripari, ma si teme che non ci saranno sufficienti strutture di base, in particolare nei servizi igienico-sanitari. Islamic Relief prevede di installare latrine in tutti i campi di nuova costruzione per contribuire a soddisfare le esigenze delle persone vulnerabili che si vivono lì. Vogliamo anche costruire collegamenti tra le attività formative nei nuovi campi e sistemi scolastici in Ciad.

Circa 200.000 persone sono fuggite dal CAR e sono in cerca di accoglienza nei paesi vicini tra cui il Ciad. Con il vostro aiuto, possiamo fornire aiuti umanitari essenziali per i rifugiati e per coloro che rimangono nel paese, ormai dilaniato dal conflitto.

 

 

© Copyrights 2020 Islamic Relief Italy, Inc. All rights reserved. 97325770150

DONAZIONE RAPIDA