“Grazie ad Allah abbiamo Eid al Adha per vedere il sorriso dei nostri figli”. La gioia dell’Eid a Gaza

La famiglia di Samrat vive in povertà nell’area Al Zaytoun a Gaza, in Palestina. Nonostante la cattiva situazione finanziaria, suo marito lavora giorno e notte per assicurare i bisogni dei suoi figli. Il marito lavora a fronte di una piccola paga, consegnando alle persone i loro acquisti dai mercati popolari fino alle loro case.

La famiglia di Samarat vive in una casa buia e traballante in cui l’aria e la luce del sole non entrano. La casa è umida e molto piccola, ed è composta da una stanza e un bagno. La cucina non è fornita, quindi la famiglia ha difficoltà quando deve preparare il cibo.

 

Samarat ci dice: “La nostra situazione economica è pessima, passo l’intera giornata a pensare a come nutrire i miei figli, il nostro frigorifero è vuoto, aspettiamo che il padre torni dal lavoro e porti delle verdure, falafel e fagioli. Solo dopo che i miei figli hanno mangiato e vanno a dormire, mi sento meglio”.

“Dipendiamo dal cibo che mio marito riesce a portare, la quantità non è sufficiente, ma ringraziamo sempre Allah”.

Samarat malgrado le difficotà, fa il possibile per assicurarsi di sfamare la sua famiglia.

“Se vogliamo comprare verdura e cibo andiamo ai mercati popolari subito prima che chiudano, questo ci permette di acquistare con prezzi bassi perché le verdure non sono fresche come a inizio giornata”.

L’alimentazione scarsa ha un impatto negativo sulla loro salute.

Quando ho portato i miei tre figli, Merna, Rimas e Seraj alla clinica per un controllo sanitario, ho scoperto che soffrono di anemia e sono sottopeso rispetto alla loro età. Questo mi fa preoccupare per la loro crescita. Il dottore mi ha detto che i miei figli dovrebbero mangiare cibi sani oltre a vitamine e integratori”.

“Non sono tornata per la visita di controllo perché so che non è cambiato nulla. Non hanno mangiato nessuno degli alimenti o degli integratori necessari”.

Il costo della carne è troppo elevato. “Mangiamo carne fresca solo il giorno di Eid Al Adha, perché un chilo costa circa 15 euro e il guadagno di mio marito non supera i 5 euro al giorno”.

“I miei figli sono felici solo durante l’Eid, grazie ad Allah abbiamo l’Eid al Fitr e Eid al Adha per vedere i loro sorrisi. È vero che non sono riuscita a comprare i vestiti nuovi per l’Eid, ma grazie ad Allah che la carne sacrificale rende speciali per questi giorni”.

Samarat ha ricevuto un pacco di carne Qurbani, grazie alle donazioni dei sostenitori di Islamic Relief.

“Avete portato felicità alla mia famiglia con il progetto Qurbani. Preparerò e cucinerò immediatamente la nostra parte di carne Qurbani che ho ricevuto da Islamic Relief. Grazie a chi ce l’ha donata”.

“La quantità che abbiamo ricevuto è adatta alla mia famiglia, cucinerò molokheya che i miei figli amano”.

Ha sorriso e ha detto: “Questo Eid sarà speciale e unico per noi. Auguro grande felicità a tutti coloro che hanno donato e reso felici me e i miei figli”.

Il tuo Qurbani significa speranza

Con il tuo sostegno, possiamo continuare ad alleviare le loro sofferenze questo Eid e durante il resto dell’anno.

Con una donazione, puoi rendere l’Eid di un bambino palestinese speciale.
Con soli € 30, fornirai ai bambini palestinesi vestiti, zaini e materiale scolastico.

Un tuo dovere, un loro diritto, una nostra amana.

Dona ora