La pace sostenibile dipende dal coinvolgimento di donne e giovani nella costruzione della pace

In tutto il mondo, i conflitti causano insicurezza, povertà e sfollamento di massa, portando spesso a emergenze umanitarie e violazioni dei diritti umani. Spesso sono le donne e i giovani ad affrontare il peso dei conflitti violenti.

 

Najma Abukar, coordinatrice della ricerca sull’advocacy globale di Islamic Relief, sostiene che la pace sostenibile può essere garantita solo proteggendo i diritti delle donne e permettendo ai giovani di partecipare alla coesione sociale.

I conflitti violenti sradicano le vite di milioni di persone che sono costrette ad abbandonare le loro case, i loro mezzi di sussistenza e spesso le loro famiglie per sopravvivere. Devono anche affrontare gravi violazioni dei diritti umani. Le violazioni dei diritti umani sono sia sintomi che cause di conflitti violenti. I conflitti violenti e distruttivi possono portare a gravi abusi dei diritti fondamentali, ma possono anche derivare da una negazione prolungata dei diritti per un periodo di tempo.

Alla fine del 2018, più della metà degli sfollati nel mondo erano donne e ragazze, mentre i giovani rappresentano oltre il 90% delle vittime dei conflitti armati.

Il conflitto esaspera i modelli preesistenti di discriminazione contro le donne e i giovani, esponendoli a maggiori rischi come la violenza di genere contro le donne, inclusi omicidi arbitrari, tortura, violenza sessuale e matrimoni forzati.

Nonostante siano colpiti in modo schiacciante da conflitti violenti, donne e giovani sono spesso esclusi dalla partecipazione ai processi di prevenzione dei conflitti e di costruzione della pace.

In sostegno della pace

Tuttavia, donne e giovani di tutto il mondo stanno scegliendo di difendere la pace, spesso anche affrontando la minaccia della violenza. 

Abdi, 26 anni, è un rappresentante del Consiglio per la pace dei giovani di Mandera, in Kenya, che sta sfidando le nozioni tradizionali di pace e sta sostenendo una maggiore inclusione dei giovani nella costruzione della pace nella comunità.

“Noi giovani svolgiamo un ruolo chiave nella pace della nostra comunità. Il lavoro per la pace ora è più il nostro ruolo che quello degli anziani, come una volta, tuttavia, abbiamo ancora molta strada da fare per convincere i nostri leader e gli anziani, del nostro ruolo nelle attività di pace”, afferma Abdi.

Islamic Relief, attraverso il suo programma di prevenzione dei conflitti e coesione sociale, sostiene le donne e i giovani nel guidare la costruzione della pace della comunità nella contea di Mandera dal 2018.

Nelle Filippine, l’attivista per la pace Noraisa è determinata a garantire che donne e giovani non siano esclusi dai processi di sostegno alla pace.

“Dobbiamo lottare affinché le nostre voci siano ascoltate nei processi di costruzione della pace. Anche i giovani e le donne possano contribuire a risolvere i problemi della nostra comunità”, afferma Noraisa.

“Prima non mi era permesso partecipare, ma ora sono diventato uno degli organizzatori nell’incoraggiare e mobilitare donne, giovani e leader religiosi verso la pace”.

Noraisa è un membro del gruppo dei circoli Bridging Khalifah, composto principalmente da giovani donne che si incontrano regolarmente per discutere i percorsi verso la pace all’interno delle loro comunità.

Mobilitarsi per una pace inclusiva

Le donne e i giovani che vivono con conflitti e instabilità conoscono e comprendono il contesto e sono in una posizione unica per fornire soluzioni pacifiche. Tuttavia, raramente viene loro offerta l’opportunità di partecipare pienamente.

La piena, equa e significativa partecipazione e coinvolgimento delle donne e dei giovani in tutti gli sforzi è essenziale per mantenere e promuovere la coesione sociale e la sicurezza sostenibili.

Dobbiamo sostenere una maggiore rappresentanza delle donne e dei giovani nella prevenzione dei conflitti e nei processi di sostegno alla pace a tutti i livelli. Dovrebbero essere abilitati a partecipare attivamente ai processi e al processo decisionale senza discriminazioni.

Da giugno 2018, Islamic Relief ha implementato un programma di prevenzione dei conflitti e coesione sociale in Kenya, Pakistan e Filippine.

Riconoscendo il ruolo attivo che le donne e i giovani possono svolgere nella prevenzione dei conflitti e nella coesione sociale, il progetto sostiene la loro partecipazione attiva, garantendo al contempo che le istituzioni rispondano alle esigenze di sostentamento delle donne e dei giovani e aiutino a costruire la loro resilienza.

Creando spazi sicuri

Donne e giovani stanno già svolgendo un ruolo fondamentale nella prevenzione dei conflitti e nel sostegno alla pace. Per garantire i loro sforzi continui, dobbiamo tutti fare la nostra parte per assicurarci di creare spazi civici liberi, sicuri e abilitanti in cui possano esercitare i loro diritti alla libertà di opinione e di espressione.

In tal modo, dobbiamo anche adottare un approccio basato sui diritti umani per la prevenzione dei conflitti e la coesione sociale che centralizzi e che protegga i diritti umani delle donne e dei giovani.

Per garantire una pace sostenibile, le donne e i giovani devono essere parte della soluzione.

Islamic Relief si impegna a lavorare con donne e giovani per sostenere e difendere la pace e assumere un ruolo attivo nella prevenzione dei conflitti e nel sostegno alla pace all’interno delle comunità.

© Copyrights 2020 Islamic Relief Italy, Inc. All rights reserved. 97325770150

DONAZIONE RAPIDA