Gli ultimi attacchi su Gaza hanno ulteriormente compromesso e ostacolato la strada verso il raggiungimento di una pace permanente. Il 5 agosto, gli attacchi aerei israeliani hanno colpito diverse località della Striscia di Gaza, tra cui Gaza City, Beit Hanoun e Khan Younis.

Quando l’escalation si è conclusa con una tregua due giorni dopo, almeno 47 palestinesi sono stati uccisi, inclusi 16 bambini. Secondo il ministero della Salute di Gaza, circa 360 palestinesi sono rimasti feriti. Gli attacchi hanno danneggiato almeno 1.761 unità abitative, secondo le Nazioni Unite, lasciando centinaia di sfollati e migliaia di feriti.

L’unica centrale elettrica funzionante di Gaza è rimasta spenta per due giorni per risparmiare carburante, mentre le linee elettriche che rifornivano molte case e strutture sanitarie a Gaza hanno subito danni significativi.

Le ricadute dell’escalation sono state aggravate dal blocco israeliano di 15 anni su Gaza, che limita il flusso di beni essenziali e persone dentro e fuori il territorio.

Un bambino tra le macerie di Gaza

Fine del blocco

Islamic Relief accoglie favorevolmente la tregua mediata tra le Nazioni Unite e l’Egitto, che è entrato in vigore a mezzanotte del 7 agosto. Tuttavia, un cessate il fuoco è solo una soluzione temporanea alla situazione a Gaza. Non è sufficiente prevenire future escalation di violenza.

Crediamo che senza un’azione significativa per affrontare l’ingiustizia e la disuguaglianza al centro della situazione a Gaza, continueranno le periodiche riacutizzazioni della violenza e più civili perderanno la vita.

I leader mondiali devono cogliere questo momento per affrontare realmente le cause profonde della crisi a Gaza e cercare una soluzione praticabile e duratura

Il popolo palestinese merita di vivere in libertà e sicurezza. Perché ciò sia possibile, è necessario porre fine al blocco di Gaza e alla più ampia occupazione illegale del territorio palestinese. Islamic Relief chiede la fine dell’occupazione israeliana e una soluzione duratura del conflitto che è radicato nel diritto internazionale e nella giustizia per tutti.

         Macerie degli edifici colpiti a Gaza

Una terribile situazione umanitaria

Ogni escalation di violenza esacerba la già disastrosa situazione umanitaria a Gaza. Mentre il blocco mette a dura prova la vita quotidiana della zona. Per più di 15 anni, il governo israeliano ha controllato i confini terrestri, le acque territoriali e lo spazio aereo di Gaza, creando quella che è stata definita “la più grande prigione a cielo aperto del mondo”.

Il blocco ha trasformato l’economia un tempo vivace di Gaza in un’area in cui l’80% dei residenti ora dipende dagli aiuti umanitari e molti bambini vanno a letto affamati. Il sistema sanitario e l’economia sono sull’orlo del collasso. 

Nella situazione attuale, i giovani di Gaza guardano al futuro e vedono disoccupazione, povertà e crisi. Ogni giorno, vite e sogni vengono distrutti.

Islamic Relief opera nei territori occupati palestinesi dal 1997, rispondendo alle emergenze e sostenendo lo sviluppo. Durante l’escalation dello scorso fine settimana, abbiamo fornito cibo e supportato strutture mediche che curavano i feriti.

Continueremo a stare a fianco del popolo palestinese. Sosterremo il loro diritto alla libertà e alla sicurezza ed esorteremo la comunità internazionale a sostenere le proprie responsabilità nei confronti del popolo palestinese e cercare di porre fine al blocco e all’occupazione illegale.

È necessaria un’azione urgente per proteggere i diritti della popolazione di Gaza, che rimane minacciata ogni giorno dal continuo blocca

Aiutaci a continuare il nostro lavoro e a salvare vite in Palestina

© Copyrights 2020 Islamic Relief Italy, Inc. All rights reserved. 97325770150

DONAZIONE RAPIDA