La quotidianità dei rifugiati dal Tigray, tra tragedia e ospitalità

Aya El Fatih di Islamic Relief ha trascorso alcuni giorni con una famiglia di rifugiati in Sudan, per scoprire come vivono le persone che sono fuggite dalle terribili violenze. Nella loro piccola tenda ha trovato storie di perdita, resilienza, ospitalità e speranza.

Le tende bianche nel campo profughi di Um Rakuba sono disposte in file ordinate e si estendono a perdita d’occhio. Migliaia di rifugiati sono fuggiti dalle violenze nella regione del Tigray in Etiopia e hanno cercato rifugio in questo vasto campo nel Sudan orientale.

Una delle tante tende, non lontano dall’ufficio di Islamic Relief, ospita la 35enne Akbert e i suoi figli.

L’inizio della tragedia

In Etiopia, Akbert viveva felicemente con suo marito, che era il principale sostentamento della famiglia. Ma la loro vita è cambiata con l’intensificarsi della guerra nel Tigray. Suo marito è stato ucciso e il suo bestiame rubato. Il giorno dopo Akbert ha dovuto seppellire il suo corpo e iniziare a prendersi cura dei loro 7 figli da sola.

Pensando alla sicurezza dei suoi figli, Akbert decise di fuggire. “Era la volontà di Dio”, dice. “Ero preoccupata per quello che ci sarebbe successo, se saremmo rimasti vivi o se saremmo morti”.

Akbert e i suoi figli hanno attraversato il fiume del Nilo Azzurro e sono fuggiti in Sudan, dove sono stati accolti dalla gente del posto che li ha aiutati a raggiungere il campo di Um Rakhuba.

Crearsi una nuova casa nel campo

La figlia di 3 anni di Akbert, Radyet, è molto affezionata a sua madre e la segue ovunque.

Akbert ha dovuto abituarsi ad un nuovo ambiente e nutrire i suoi figli con tutto ciò che era disponibile. “Ero molto spaventata quando sono arrivata qui per la prima volta”, dice. “Mi preoccupo per i miei figli quando finisco il cibo, come posso spiegarglielo? Noi siamo adulti, quindi comprendiamo la situazione, ma loro sono solo bambini. L’acqua è scarsa anche nel campo. Devo fare molta strada per poterla trovare”.

Quando si sveglia ogni mattina, cucina per i suoi figli e li manda a scuola, ma ha difficoltà a cucinare perché non sempre ha legna da ardere.

Con i suoi vicini, Akbert condivide una stufa di argilla dove prepara l’Injera, la tradizionale focaccia etiope, che è parte integrante della loro dieta e uno dei sapori di casa che si sono portati dietro. I profughi hanno fabbricato da soli le stufe di argilla per realizzare Injera.

Anche se la sua tenda è un posto piccolo per 8 persone, Akbert riesce a tenerla organizzata e le dà calore. Getta dell’incenso (legno aromatico comunemente usato nella cultura etiope e sudanese) sui carboni ardenti. Un bel profumo satura presto la tenda mentre un filo di fumo sale dai carboni ardenti. L’odore spesso invita i vicini ad unirsi da Akbert per un caffè nella sua tenda.

Akbert con le sue tre figlie, Azmara, Erdanus e il piccolo Radyet. Campo di Um Rakhuba, stato del Gadaref in Sudan

Ospitalità al sapore di caffè

Inizia a preparare il caffè tostando i chicchi in una friggitrice, mescolando finché non assume un colore scuro e ricco. Con un mortaio e un pestello macina poi i fagioli tostati fino a renderli una polvere, alla quale aggiunge dell’acqua bollente.

Ospita i suoi vicini versando il caffè dall’odore forte in piccole tazze di porcellana e servendolo con popcorn nella sua tenda calda e satura di incenso. Le persone nel campo non hanno molto, ma l’ospitalità è una parte importante della cultura locale e condividono ciò che hanno.

Un compleanno al campo

I suoi vicini e gli amici del suo defunto marito sono venuti per festeggiare il primo compleanno di suo figlio, Tamasgn. Da quando suo marito è morto, i suoi amici hanno tenuto compagnia ad Akbert.

Molti rifugiati hanno dovuto lasciare tutto quando sono fuggiti, compresi i vestiti. Per il compleanno di suo figlio Akbert ha indossato una sciarpa gialla e un maxi abito rosa a mezza manica, che ha continuato a portare per diversi giorni.

La fede è una parte importante della vita di Akbert. Indossa una croce sul collo e va in chiesa 3 volte a settimana. Alla celebrazione del compleanno, Akbert e la sua famiglia stavano attorno al pane sacro mentre un prete recitava le preghiere. Dopo aver benedetto il pane, lo tagliò e lo divise tra i presenti.

“Questo fa parte della nostra cultura”, ci dice il sacerdote. “Questo rituale viene solitamente eseguito il primo compleanno di un bambino in modo che cresca velocemente”.

Una festa in lacrime

Il compleanno di Tamasgn ha coinciso con un giorno di celebrazioni nazionali. Nel campo, i rifugiati si sono riuniti per le preghiere del mattino in allegria, mentre andavano in giro salutavano tutti quelli che incontravano. La musica suonava ad alto volume e la gente era in piedi sui trattori con i mano le bandiere mentre ballavano.

I bambini erano i più felici di tutti, con le bandiere dipinte sui loro volti.

Akbert si precipitò dentro per prendere il pane che era stato benedetto per il compleanno di Tamasgn, e lo condivise. Le persone sul trattore salutarono e alzarono il pane sopra le loro teste. Akbert si unì in lacrime alla danza, mentre ricordava suo marito; il pane che aveva donato era per la sua anima.

Per Akbert e molti altri rifugiati nel campo, tali celebrazioni possono essere un modo per dimenticare temporaneamente i tragici ricordi.

Aiuto umanitario

Da quando sono scoppiate le violenze nel Tigray nel novembre 2020, più di 80.000 rifugiati etiopi sono fuggiti in Sudan.

Alcuni rifugiati riescono a guadagnarsi da vivere vendendo verdure e zucchero al mercato e Akbert ha intenzione di vendere un trattore per riuscire a sfamare i suoi figli.

Tuttavia, la necessità di assistenza umanitaria è più grande che mai.

Islamic Relief sta lavorando a Um Rakhuba e in altri campi nello stato di Gedaref nel Sudan orientale, oltre a rispondere all’interno dello stesso Tigray. Abbiamo fornito a circa 30.000 rifugiati una qualche forma di assistenza tra cui cibo, acqua, servizi igienico-sanitari, istruzione e un nuovo sistema di illuminazione a energia solare per proteggere le persone nel campo di notte.

Islamic Relief ha costruito circa 50 latrine e 30 servizi igienici nei campi e sta costruendo aule grazie al sostegno di Education Cannot Wait.

Ma le famiglie come quella di Akbert hanno bisogno di più sostegno per poter vivere una vita dignitosa.

“I miei figli sono orfani”, dice. “Prego che non abbiano fame o si ammalino. Ringrazio Islamic Relief e il governo del Sudan per il supporto che abbiamo ricevuto”.

Islamic Relief risponde alle crisi migratorie da quando è stata fondata nel 1984. Ora stiamo lavorando per soddisfare le esigenze dei rifugiati, degli sfollati interni, dei richiedenti asilo e dei rimpatriati in tutto il mondo.

Famiglie come Akbert ricevono aiuti salvavita da Islamic Relief, tra cui supporto psicologico, assistenza sanitaria, cibo e istruzione.

Akbert gioca con il suo figlio più piccolo, di un anno. Campo di Um Rakhuba, Stato di Gadaref, in Sudan, Febbraio 2021

Abbiamo urgente bisogno del tuo aiuto per continuare questo lavoro vitale.
Dona ora