Porre fine alle MGF: Doussouba Diarra, ci racconta perché ha smesso di portare avanti questa pratica

Per gran parte della sua vita Doussouba Diarra, che vive in Mali, si è guadagnata da vivere praticando le mutilazioni genitali femminili.

Ora, la 63enne lavora con Islamic Relief ed è una fervente sostenitrice dell’abolizione delle mutilazioni genitali femminili (MGF). 

Questa è la sua storia.

“Per anni ho circonciso le ragazze del mio villaggio e in tutta la regione, per aiutarle a diventare donne. A volte mutilando completamente i genitali, a volte solo parti di essi.

“In molte comunità del Mali è visto come un requisito per potersi sposare. La procedura viene eseguita senza anestesia e da donne come me, che sono viste come ‘circoncisori’ tradizionali. Non abbiamo una formazione medica, ma abbiamo imparato il mestiere dalle nostre nonne. 

“Quando ero una bambina, le cerimonie di circoncisione erano un’occasione di gioia, nel nostro villaggio. Una volta che la ragazza “veniva purificata”, si organizzava una festa in suo onore. 

“Le ragazze, vedendo la felicità del villaggio, ambivano ad avere simili festeggiamenti, ignare degli oscuri segreti dietro alla pratica della circoncisione, conosciute solo da chi aveva vissuto sulla propria pelle quell’esperienza.

“Quando le ragazze mi venivano portate, spesso le legavamo durante la circoncisione. Essendo una procedura violenta a livello fisico, nella quale si usavano rasoi, davamo loro qualcosa da mettere in bocca, per soffocare le loro urla.  

“Alla maggior parte delle ragazze viene detto dalle madri o dai parenti che la circoncisione è un obbligo. La vedono come parte della loro cultura e la accettano; infatti ne sono orgogliose e augurano lo stesso alle proprie figlie. Anch’io ero orgogliosa del mio lavoro, perché credevo di portare avanti una tradizione essenziale per purificare le nostre ragazze, questo era quello che mi era stato tramandato. 

“Per tutta la mia vita, ho creduto nella circoncisione, fino a quando Islamic Relief, si è presentata con un progetto di sensibilizzazione sulle MGF. Mi hanno contattata, in quanto una delle donne che portava avanti questa pratica e volevano parlarmi di ciò che questo lavoro stava facendo al benessere delle ragazze. Mi hanno spiegato i pericoli della circoncisione, e che è contro i principi dell’Islam, nel quale è proibito fare del male a chiunque.

“Ora so che le conseguenze delle MGF sono gravi e hanno ripercussioni a lungo termine e che il lavoro che ho fatto per più di 30 anni ha causato danni fisici e mentali alle ragazze.

“Grazie al sostegno di Islamic Relief, ho seguito una formazione per diventare il punto di riferimento, nel mio villaggio, per porre fine alla violenza di genere. Ora conduco seminari sulla circoncisione, sulla contraccezione e sulla pianificazione familiare.

“Dedico la mia vita a insegnare alle donne a non mutilare i loro corpi o i corpi delle loro figlie; quella circoncisione non è un prerequisito per guadagnarsi il rispetto, diventare madre o prendersi cura della propria famiglia.

“Cerco di convincere le persone a smettere di circoncidere le ragazze. Parlo, in quanto persona, che conosce entrambe le parti: colei che è stata mutilata e colei che ha mutilato. So di cosa sto parlando. Quindi dico loro che la circoncisione non aiuta, ed è sbagliata. 

“So che ci vorranno generazioni per rimediare ai danni causati a migliaia di ragazze. I pregiudizi sono molto difficili da sradicare. La credenza popolare è molto radicata e la pressione sociale è troppo grande, ma se sarò in grado di cambiare la vita anche a una sola ragazza, avrò contribuito all’eliminazione delle MGF.

Con progetti in tutto il mondo, Islamic Relief ha come obiettivo quello di porre fine alle pratiche dannose delle MGF, specialmente laddove sono erroneamente attribuite alla religione. 

Islamic Relief, come parte del lavoro per porre fine a questa pratica, ha a cuore lo sradicamento della giustificazione di tipo religioso e culturale, utilizzata per continuare a praticare le MGF.

Islamic Relief lavora a stretto contatto con gli anziani del villaggio, i leader religiosi e chi ricopre ruoli di rilievo per incoraggiare il cambiamento radicale e a lungo termine.

Aiutaci a proteggere donne e ragazze. La tua donazione può salvare vite. 

Dona ora

© Copyrights 2020 Islamic Relief Italy, Inc. All rights reserved. 97325770150

DONAZIONE RAPIDA