Nell’Islam, il profeta Ibrahim AS è considerato uno dei più grandi uomini nella storia dell’umanità. Indicato come Abramo in altre religioni monoteistiche come il cristianesimo e l’ebraismo, è considerato da molti il ​​padre dei profeti.

È al suo lignaggio che appartengono alcuni dei più eminenti profeti citati nel Corano, nella Bibbia e nella Torah. Nella fede islamica, questo include il Profeta Muhammad ﷺ

La storia del suo sacrificio ha attraversato millenni ed è l’esempio della sua forte fede in Allah swt che continua a ispirare i musulmani di ogni generazione.

Mentre ci avviciniamo a un altro Eid al Adha, i musulmani riflettono sulla storia del profeta Ibrahim AS e sul suo importante messaggio.

Il profeta Ibrahim e il suo sacrificio

La storia del profeta Ibrahim AS e del suo sacrificio inizia con il suo viaggio verso Allah swt.

Ibrahim AS è nato in Babilonia, nell’attuale Iraq. La comunità di Ibrahim praticava il paganesimo e l’adorazione degli idoli, e suo padre era un importante scultore e artigiano di idoli.

Con scarso rispetto per gli idoli durante la sua infanzia, Ibrahim alla fine è cresciuto fino a non credere completamente nell’adorazione degli idoli della sua comunità. Metteva in dubbio come degli idoli fatti di legno e pietra, realizzati da esseri umani come suo padre, potessero essere gli dei del popolo, senza fornire alcun beneficio o danno.

Ibrahim AS ha continuato a riflettere, osservando il cielo e il mondo naturale che lo circonda. Alla fine, si sottomise nel suo cuore al “Signore dell’universo”, che aveva deciso potesse essere l’unico creatore di questo mondo incredibile.

Questo atto di sottomissione fu il primo di molti che Ibrahim AS avrebbe compiuto con la sua ritrovata credenza nell’unico Signore dell’universo. Ispirato da Allah swt a chiamare le persone alla verità nella sua comunità, Ibrahim AS ha dovuto affrontare molte difficoltà come risultato, tra cui essere gettato in un incendio acceso dal proprio padre. Tuttavia, durante tutte queste prove, Ibrahim non ha mai vacillato dalla sua fede e sottomissione ad Allah swt.

Dopo che uscì indenne dal fuoco, molti si meravigliarono del miracolo ma continuarono a dubitare.

Anni dopo, Ibrahim AS che continuava la sua missione e aveva una famiglia, che anch’essa aveva affrontato diverse prove sulla via della loro devozione ad Allah swt, fece un sogno nel quale Allah swt gli ordinava di sacrificare suo figlio Ismail AS.

Per quanto fosse difficile, Ibrahim AS ancora una volta si sottomise alla volontà di Allah swt, riconoscendo questa come una prova della sua fede in questa fase della sua profezia. Chiese a Ismail AS di recarsi con con lui sul Monte Arafah per compiere il sacrificio.

Ibrahim AS raccontò a suo figlio Ismail AS del suo sogno, e Ismail AS, che in seguito divenne lui stesso un profeta, ebbe una fede altrettanto forte in Allah swt e si sottomise.

Proprio mentre Ibrahim stava per compiere il sacrificio, Allah swt intervenne dicendo: “O Ibrahim! Hai realizzato la visione e ora sarai ricompensato!” Allah swt invia un ariete a Ibrahim AS per essere sacrificato al posto di Ismail.

“E lo abbiamo riscattato con un grande sacrificio” (Corano 37:107)

Il sacrificio del profeta Ibrahim è qualcosa che i musulmani ricordano ogni Eid al Adha durante il mese sacro di Dhul Hijah, quando i musulmani di tutto il mondo offrono un animale – di solito una capra, una pecora, una mucca o un cammello – per amore di Allah swt.

Donando la tua Udhiya/Qurbani, seguiamo le orme del Profeta Ibrahim AS e ricordiamo la sua devozione ad Allah swt, con un ulteriore obbligo verso i poveri. L’esecuzione del sacrificio per amore di Allah swt richiede ai musulmani di riflettere e avvicinarsi il sacrificio con intenzione sincera come Ibrahim AS.

Con questo sacro atto di sacrificio, i musulmani riflettono sui molti messaggi significativi di questa storia, incluso il nostro dovere verso coloro che sono in difficoltà, sulla creazione di Allah swt e il mondo che ci circonda.

La costruzione della Ka’aba da parte del Profeta Ibrahim AS

In quanto musulmani, la Ka’aba è centrale in gran parte della nostra fede. In quanto prima casa di culto, è fondamentale per l’Hajj e per la nostra storia in quanto musulmani. Segna la qibla (direzione) verso la quale ci rivolgiamo in preghiera cinque volte al giorno. Ma non è tutto. Sapevi che la Ka’aba fu costruita dal profeta Ibrahim (as) e da suo figlio Ismail (as)?

Sotto il comando di Allah swt, il profeta Ibrahim (as) costruì per primo la Ka’aba:

“E quando Abramo e Ismaele posero le fondamenta della Casa, dissero: O Signore nostro, accetta da noi! Tu sei Colui Che tutto ascolta e conosce!” – Corano 2:127

Quando fu costruita per la prima volta, era una semplice struttura rettangolare senza un tetto. La tribù dei Quraysh che governava la Mecca ricostruì poi la Ka’aba nel 608 d.C. con legno e pietre.

Quando il Profeta Muhammad (pace e benedizione su di Lui) fu poi costretto a lasciare la Mecca nel 620 d.C., al suo ritorno nel 629/30 d.C., rimosse gli idoli ospitati nella Ka’aba, mantenendo tuttavia all’interno la Pietra Nera che fu data al profeta Ibrahim dall’arcangelo Jibreel.

Quando il profeta Muhammad (pace e benedizione su di Lui) fece il suo ultimo pellegrinaggio nel 632 d.C., furono quindi stabiliti gli ultimi passi per il Hajj, Alhamdulillah!

Ogni giorno preghiamo in direzione della Mecca e se siamo abbastanza fortunati da intraprendere l’Hajj, facciamo tawaf attorno alla Ka’aba.

Durante Eid al Adha, quando celebriamo la fine dell’Hajj e facciamo il nostro sacrificio (Qurbani) per amore di Allah swt, replichiamo il sacrificio del profeta Ibrahim (as), pronto a sacrificare suo figlio Ismail (as) per il amore di Allah.

Donando la Udhiya, seguiamo le orme del profeta Ibrahim (as) e ricordiamo la sua devozione per Allah swt

La storia di Ibrahim (r.a) spiegata ai più piccolini

Questo Eid, ricorda le milioni di persone in tutto il mondo che stanno lottando con la povertà durante il mese sacro di Dhul Hijah. Dona la tua Udhiya/Qurbani con Islamic Relief per aiutarli a nutrire le loro famiglie questo Eid al Adha

© Copyrights 2024 Islamic Relief Italy, Inc. Tutti i diritti riservati. 97325770150

DONAZIONE RAPIDA