Milioni di nostri fratelli e sorelle in tutto il mondo eseguono il Hajj ogni anno dal 629 d.C., dopo la migrazione del Profeta Muhammad (pace e benedizione su di Lui) da Medina alla Mecca. Per chiunque abbia l’intenzione di recarvisi, si tratta di momenti incredibilmente entusiasmanti quanto profondamente spirituali, un passo importante della nostra vita.

Questa pratica guida al Hajj ti aiuterà a comprendere i diversi aspetti del sacro pellegrinaggio

Che cos’è il Hajj?

Ogni anno, milioni di musulmani provenienti da tutto il mondo compiono l’Hajj, il sacro pellegrinaggio e quinto pilastro dell’Islam.

L’Hajj si svolge alla Mecca, nell’odierna Arabia Saudita, durante il mese sacro di Dhul Hijjah, il dodicesimo mese del calendario islamico.

L’Hajj è un dovere spirituale e un pilastro dell’Islam, il che significa che l’Hajj deve essere eseguito da ogni musulmano almeno una volta nella vita, a condizione che sia finanziariamente, fisicamente ed emotivamente in grado di farlo. Andare più di una volta durante la tua vita è consentito mentre cerchi sinceramente di compiacere Allah swt.  Allah swt dice nel Corano:

“E [dovuto] ad Allah da parte del popolo è un pellegrinaggio alla Casa – per chiunque sia in grado di trovare una via per raggiungerla. Ma chi non crede, allora davvero Allah è libero dal bisogno dei mondi.” – Corano, 3:97

Per chiunque si prepari ad eseguire l’Hajj, è un momento incredibilmente emozionante, ma anche di grande importanza spirituale: la prima volta è un’esperienza unica nella vita per un musulmano.

L’Hajj è una prova di pazienza e temperamento: una sfida spirituale, emotiva e fisica. Tuttavia, offre ai musulmani l’opportunità di rinfrescare il sé spirituale, di purificarci dai nostri peccati e di avvicinarci ad Allah swt. Come disse il Profeta Muhammad (pace e benedizioni su di lui):

“Chiunque esegue l’Hajj per amore di Allah e non pronuncia alcun discorso osceno o compie alcuna azione malvagia, tornerà indietro (libero dal peccato) come sua madre lo ha partorito”. – Hadith

Il Hajj si svolge ogni anno tra l’8 e il 12 di Dhul Hijjah. I musulmani usano il calendario lunare, quindi la data gregoriana corrispondente varia di anno in anno.

Guida al Hajj, passo per passo

SubhanAllah, ogni anno circa due milioni di musulmani si recano nelle città sante della Mecca e Medina per eseguire l’Hajj, in unità con i propri fratelli di tutto il mondo. Se sei uno dei prossimi pellegrini diretti in Arabia Saudita per onorare questo sacro pilastro, continua a leggere! Abbiamo preparato questa pratica guida al Hajj per aiutarti in questo viaggio benedetto!

Quali sono gli step del Hajj?

  1. Preparazione ed intenzione
  2. Entrata nello stato di Ihram
  3. Tawaf x 7
  4. Safa e Marwa
  5. Accorciamento dei capelli
  6. Riposo e preghiera
  7. Entrata nello stato di Ihram
  8. Arrivo a Mina
  9. Il giorno di Arafa
  10. Muzdalifa (sotto il cielo notturno)
  11. Rami (lapidazione del diavolo)
  12. Udhiya
  13. Taglio totale dei capelli
  14. Tawaf Al-lfadha
  15. Rami (lapidazione del diavolo)
  16. Pernottamento a Mina
  17. Rami (lapidazione del diavolo)
  18. Una notte a Mina
  19. Tawaf Al-Wada’ (addio)

Quando si esegue il Hajj?

Nell’Islam, poiché ci si basa sul calendario lunare (e non gregoriano), le date specifiche per eseguire il Hajj variano di anno in anno. Nel calendario islamico, il Hajj viene eseguito tra l’8 e il 12 di Dhul Hijjah, l’ultimo mese dell’anno islamico. In questi giorni, i pellegrini si recano alla Mecca per via aerea, marittima e terrestre, durante i giorni che precedono il periodo del pellegrinaggio.

Come si esegue il Hajj?

Esistono tre forme di Hajj: Tamattu, Ifraad e Qiran. Ai fini di questa guida al Hajj, ci riferiremo alla forma di Tamattu del Hajj, che è ciò che il Profeta Muhammad (pace e benedizione su di Lui) ha incoraggiato i suoi seguaci a fare.

Qui di seguito puoi leggere i 19 step per l’Hajj nel dettaglio

1 – Rinnovare la propria intenzione o Niya

Prima di arrivare alla Mecca per iniziare il Hajj, è importante che tu rinnovi la tua intenzione (Niya) nel tuo cuore. L’intenzione dovrebbe essere quella di eseguire il Hajj solo per amore di Allah swt, con un augurio rivolto all’aldilà. Non dovrebbe essere fatto con l’intenzione di essere notato tra le persone, o per un guadagno mondano.

2 – Lo stato di Ihram

In questo modo entri nello stato di Ihram (purezza rituale). Per gli uomini, questo significa indossare il panno bianco designato per il Hajj, con una parte avvolta intorno alla spalla e un’altra attorno alla vita. Le donne possono indossare qualsiasi indumento a loro scelta, ma devono assicurarsi di osservare le regole del hijab. Tuttavia, non è ammesso coprire il viso. Non sono ammesse nemmeno scarpe totalmente chiuse. Le calzature dovrebbero essere dei sandali, sia per gli uomini che per le donne.

Ihram è lo stato spirituale in cui entri una volta che hai espresso l’intenzione di eseguire il Hajj. Quando più di tre milioni di pellegrini si recano alla Mecca, non c’è alcuna distinzione visibile tra di loro. Tutti sono uguali agli occhi di Allah swt, che tu sia ricco o povero, e indipendentemente dalla tua etnia. Pertanto, le regole sull’abbigliamento del Ihram sono estremamente semplici, ma rigide, e devono essere seguite.

Durante questi giorni, dobbiamo anche essere particolarmente attenti al nostro comportamento e alle nostre parole. Dovremmo evitare di fumare, avere rapporti sessuali, imprecare, raderci i capelli e tagliarci le unghie. Non dovremmo nemmeno usare profumi o saponi profumati.

Una volta arrivato al Masjid al-Haram, alla Mecca, sarai pronto per iniziare il più grande viaggio spirituale della tua vita!

Consiglio: porta un Ihram di riserva se riesci. Per quanto riguarda i sandali, ti consigliamo di investire in un buon paio di sandali da trekking. Di solito sono le più comode e pratiche, utili dato che percorrerai lunghe distanze su asfalto ma anche su sterrati. Cerca di abituarti ai sandali prima di partire per l’Arabia Saudita, in modo da evitare vesciche e disagi una volta raggiunto il Paese.

Al tuo arrivo alla Mecca, devi prima eseguire la tua Umrah, il che significa che eseguirai il tuo Tawaf e Sa’i come indicato nei passaggi successivi.

3 – Tawaf x7

Il Tawaf è uno dei principali riti del pellegrinaggio e si riferisce al camminare attorno alla Kaaba in senso antiorario. Il Tawaf è composto da sette circuiti completi, ognuno dei quali inizia e finisce alla pietra nera.

Oltre al Tawaf, puoi anche offrire preghiere volontarie per ringraziare Allah swt per essere arrivato a destinazione sano e salvo, e per inaugurare il tuo viaggio spirituale.

4 & 5 – Safa e Marwa & Accorciamento dei capelli

Una volta che avrai completato il Tawaf, inizierai quello che è noto come sa’i: ossia camminare e correre tra le due colline di Safa e Marwa. Inizierai il sa’i verso Safa e camminerai verso Marwa fino a quando non vedrai l’indicatore verde, a quel punto dovrai correre verso l’indicatore verde successivo, per poi continuare a camminare fino a raggiungere Marwa. In questo modo avrai completato un giro. Tornerai quindi a Safa per iniziare il secondo. Il tuo sa’i è completo dopo aver fatto un totale di sette giri tra Safa e Marwa.

Questo importante rituale è in memoria della moglie del profeta Ibrahim, Hajar (as), e della sua battaglia nel deserto in cerca di acqua per suo figlio, il profeta Ismail (as). Il sa’i di Hajar (as) simboleggia la lotta continua che affrontiamo nel corso della nostra vita.

Una volta completato il sa’i, gli uomini si tagliano i capelli o se li rasano completamente, mentre le donne ne tagliano solo una piccola parte. Questo atto segna il completamento della tua Umrah, permettendoti di lasciare lo stato di Ihram, fino all’8 di Dhul Hijjah.

Consiglio: a questo punto dovrai essere paziente. Sarai stanco dal Tawaf e noterai che altri pellegrini hanno fretta di completare il sa’i. Sentiti libero di prenderti il ​​tuo tempo. Fai delle pause regolari e bevi acqua di Zam Zam, che è disponibile tra Safa e Marwa.

6 – Riposo & preghiera 

Ora che hai eseguito la tua Umrah, per il resto di questo mese benedetto, rimarrai alla Mecca per completare il tuo viaggio spirituale dell’Hajj, circondato dai tuoi fratelli e sorelle musulmani, SubhanAllah! Assicurati di riposarti molto e di sfruttare al meglio il tuo tempo compiendo atti di adorazione sinceri. Il tuo Hajj avrà inizio l’8 Dhul Hijjah.

7 – Giorno 1 – 8 di Dhul Hijjah: Ritornare nello stato di Ihram

L’ottavo giorno di Dhul Hijjah segna l’inizio del Hajj: la fase successiva del tuo viaggio spirituale. Ti purificherai ed entrerai di nuovo nello stato di Ihram. È molto importante notare che sei in uno stato di Ihram, non ti è permesso quindi di fumare, maledire, raderti, tagliarti le unghie o impegnarti in qualsiasi forma di rapporto sessuale. Anche combattere e litigare sono vietati, così come è vietato cacciare, uccidere o ferire qualsiasi essere  irragionevolmente. Dovrai anche evitare prodotti profumati come profumi, creme idratanti, trucchi o saponi. Tuttavia, puoi sostituire questi articoli con prodotti non profumati.

Una volta che tutto è pronto, inizierai a recitare la seguente invocazione, chiamata Talbiyah:

“لَبَّيْكَ اللَّهُمَّ لَبَّيْكَ، لَبَّيْكَ لاَ شَرِيْكَ لَكَ لَبَّيْكَ، إِنَّ الْحَمْدَ وَالنِّعْمَةَ لَكَ وَالْمُلْكَ لاَشَرِيْكَ لَكَ”

“Labbayka Allāhumma labbayk. Labbayk lā shareeka laka labbayk. Inna al-ḥamda, wa n-‘imata, Laka wal mulk. La shareeka lak.”

“Eccomi, o Allah, eccomi, eccomi. Non hai partner, eccomi qui. Tutte le lodi e le benedizioni sono Tue e a Te la sovranità su tutto. Non hai partner.”

Marcerai quindi con il tuo gruppo verso la città dei campi di tende, Mina, che si trova a circa otto chilometri dalla Mecca.

Consiglio: consigliamo vivamente di portare alcuni elementi essenziali, come crema solare, crema idratante, vaselina e sapone senza profumo. La crema solare è particolarmente utile in quanto non è consentito coprirsi la testa o il viso durante l’Ihram. La vaselina è preziosa per proteggersi dalle dolorose eruzioni cutanee che si sviluppano a seguito delle camminate costanti. Tutti questi articoli sono disponibili in Arabia Saudita.

8 – Giorno 1 – 8 di Dhul Hijjah: Arrivare a Mina

Una volta raggiunta la città di Mina, ti stabilirai nella tua tenda. Qui pregherai Dhur, Asr, Maghrib, Isha e Fajr, accorciando le tue preghiere da quattro rak’at a due ciascuna, senza combinarle, come indicato nel Corano.
Passa la notte a pregare Allah swt, leggi il Corano e preparati per il secondo giorno. È un momento importante per la riflessione e la devozione spirituale, quindi cerca di sfruttare al meglio questa notte speciale.

Consiglio: sii paziente perché lo spazio all’interno delle tende potrebbe essere molto stretto e potresti trovarti a pochissima distanza da altri pellegrini. È probabile che faccia molto caldo, quindi ricordati di restare idratato. Le autorità saudite hanno installato stazioni di acqua fredda nelle immediate vicinanze di tutte le tende, quindi familiarizza con l’ambiente circostante. Potresti anche notare che lo staff del posto fornisce regolarmente bevande fredde complementari nei frigoriferi accanto alla tua tenda. Sono lì per essere consumate, quindi usale per placare la tua sete, senza dimenticare il motivo per cui sei lì.

9 – Giorno 2 – 9 di Dhul Hijjah: il giorno di Arafah

Dopo aver pregato il Fajr a Mina, ti dirigerai verso le valli di Arafah, reciterai Istighfar [richiesta di perdono] e pregherai, nel giorno di Arafah, giorno in cui chiediamo ad Allah swt di perdonare i nostri peccati. Dopo aver raggiunto le valli del monte Arafah, i pellegrini combinano e abbreviano le preghiere del Dhur e del Asr (due rak’at invece di quattro).

In questo giorno ci sarà un sermone pronunciato da Masjid al-Nimra, sul monte Arafah. Ricordati di ascoltare la Khutbah, se possibile. Il tuo gruppo potrebbe anche fornire una traduzione in italiano.

Il giorno di Arafah è uno dei giorni più importanti per i musulmani, poiché Allah swt, nella Sura Al-Maidah del Sacro Corano, si riferisce al giorno di Arafah come il giorno in cui perfezionò la Sua religione, completò i Suoi favori per il Suo amato profeta Muhammad (pace e benedizione su di Lui) e approvò l’Islam come stile di vita! Il Profeta Muhammad (pace e benedizione su di Lui) disse:

“Non c’è giorno in cui Allah libera le persone dal Fuoco più del giorno di Arafah. Si avvicina a quelle (persone in piedi su Arafah), e poi si rivela ai suoi angeli dicendo: ‘Cosa cercano queste persone?'” – Hadith 

Assicurati quindi di passare del tempo nei pressi di Arafah, e di pregare dal profondo del tuo cuore, concentrando le tue energie nelle suppliche ad Allah swt, chiedendo perdono e benedizioni per te e per la tua famiglia. Non dimenticare di includere i tuoi amici, parenti, vicini e l’intera Ummah nei tuoi duaa, in questo giorno molto speciale.

Consiglio: non spingerti al limite delle tue energie nel tentativo di scalare il monte Arafah, noto anche come Jabal Al-Rahmah. Jabal Al-Rahmah è la collina da cui il Profeta Muhammad (pace e benedizione su di Lui) pronunciò il suo ultimo sermone. Non c’è alcuna fonte autentica che suggerisca un vantaggio nel percorrere la collina stessa o intraprendere questa salita come rito religioso. L’area pianeggiante che circonda la collina è chiamata Piane di Arafah ed è qui che dovresti trascorrere il tuo tempo tra contemplazione e preghiera.

10 – Giorno 2 – 9 di Dhul Hijjah: Muzdalifah

Dopo il tramonto, lascerai Arafah e ti dirigerai verso Muzdalifah, una pianura tra Mina e Arafah. Una volta raggiunto Muzdalifah, pregherai Maghrib e Isha, uno dopo l’altro, accorciando l’isha a due rakat. Come narra Abdullah Ibn Umar (RA):

“Il Profeta (pace e benedizione su di Lui) ha combinato le preghiere del Maghrib e dell’Isha a Muzdalifa con un Iqama separata per ciascuna di esse e non ha eseguito alcuna preghiera volontaria tra di loro, o dopo ciascuna di esse.” – Bukhari

Successivamente, potrai passare la notte in adorazione o riposando. Il Profeta (pace e benedizione su di Lui) si addormentò fino a poco prima del Fajr, scegliendo di non partecipare all’adorazione notturna come faceva normalmente. Quindi, se ti sentirai stanco, riposati: l’indomani ti aspetta una lunga giornata!

Durante la tua permanenza a Muzdalifah, puoi raccogliere i sassi che ti serviranno poi per eseguire Rami [la lapidazione del diavolo] nei tre giorni seguenti. La dimensione dei ciottoli dovrebbe essere simile alla dimensione dei semi di dattero. Avrai bisogno di un totale di 49 sassolini. La ripartizione è la seguente:

  • 7 per il giorno 10 di Dhul Hijjah
  • 21 per il giorno 11 di Dhul Hijjah
  • 21 per il giorno 12 di Dhul Hijjah

Tuttavia, si consiglia di raccogliere altri 21 sassi come precauzione, portando il totale a 70. Quando si procede alle fasi di lancio dei sassi, è possibile che si manchi il bersaglio o che alcuni sassi possano cadere dalla vostra mano. Pertanto, è meglio averne qualcuno in più. I ciottoli possono anche essere raccolti a Mina.

Suggerimento: a Muzdalifah pernotterai all’aperto. Non ci sono tende o altre strutture qui. Sebbene ci siano molte luci, l’area rimane piuttosto buia. Cerca di stare vicino al tuo gruppo, poiché è molto facile perdersi tra le migliaia di pellegrini presenti. Se sei donna, assicurati di stare con tuo marito/mahram e di non allontanarti troppo da sola. I servizi igienici e le strutture per il wuduu sono disponibili a Muzdalifah, ma saranno affollati, quindi è necessario avere pazienza. Consigliamo vivamente di usare i servizi igienici e di rinfrescarsi prima di lasciare Arafah. Cerca di portare quattro piccoli sacchetti per i tuoi sassi e usali per raggruppare i ciottoli secondo la ripartizione sopra indicata.

11 – Giorno 3 – 10 di Dhul Hijjah: Inizio di Eid Al-Adha & Rami

Il 10 di Dhul Hijjah è anche chiamato Yawm al-Nahr, o il Giorno del Sacrificio (Qurbani).

Dopo aver eseguito Fajr Salah lascerai Muzdalifah e tornerai verso Mina. Ricorda di recitare continuamente la Talbiyah. In questo giorno, i pellegrini eseguono la Udhiya, e iniziano anche il primo dei tre giorni di rito della “lapidazione del diavolo” o Rami. Anche i musulmani di tutto il mondo offrono Udhiya/Qurbani durante questo periodo e iniziano i festeggiamenti di Eid Al Adha. Lo sappiamo da questo versetto del Corano:

“E quando sarai al sicuro, allora, chiunque si avvarrà del vantaggio dell’Umrah insieme all’Hajj farà un’offerta di qualunque animale sia disponibile. Tuttavia, chiunque non ne trovi nessuno dovrà digiunare per tre giorni durante l’Hajj e per sette giorni al tuo ritorno; quindi sono dieci in tutto. Questo è per colui i cui familiari non sono residenti di Al-Masjid-ul-Harām”. – Corano | 2:196

La origine del Rami o la lapidazione del diavolo

La lapidazione del Jamarat – altrimenti indicata come la “lapidazione del diavolo” – è un rituale eseguito dai pellegrini dell’Hajj in base al quale vengono lanciati sassi contro tre strutture di pietra a Mina per tre giorni. Il primo giorno della lapidazione cade il 10 di Dhul Hijjah. In questo giorno i musulmani offrono anche la Udhiya o Qurbani e celebrano l’Eid Al Adha.

L’atto di lanciare pietre al Jamarat è noto come Rami. Il rituale di Rami è il simbolo delle azioni di Ibrahim (as) quando dovette affrontare la prova di dover sacrificare suo figlio, Ismail (as) per ordine di Allah swt.

Sulla strada per eseguire il comandamento, Iblis, cercò ripetutamente di indurre Ibrahim (as) a disobbedire ad Allah swt. Quando Ibrahim (as) raggiunse Jamarat al-Aqaba, Allah (SWT) ordinò all’angelo Jibreel (as) di istruire Ibrahim (as) a lanciare sette pietre contro Iblis. Obbedì e Iblis è fuggi immediatamente.

I tre Jamarat indicano i tre luoghi in cui Iblis cercò di dissuadere Ibrahim (as) dall’obbedire al comando di Allah. Tuttavia, i pilastri non contengono Iblis, come molte persone sono erroneamente indotte a credere.

Come eseguire il Rami o la lapidazione del diavolo

Il 10°, 11° e 12° giorno di Dhul Hijjah, eseguirai il Rami (la lapidazione del diavolo). La dimensione dei sassolini dovrebbe essere simile alla dimensione dei datteri o dei semi. Avrai bisogno di un totale di 49 sassolini. Avrai bisogno di un certo numero di ciottoli per ciascuno dei tre giorni. La ripartizione è la seguente:

  • 7 ciottoli per il 10 di Dhul Hijjah
  • 21 ciottoli per l’11 di Dhul Hijjah
  • 21 ciottoli per il 12 di Dhul Hijjah

Prova a portare quattro piccoli sacchetti a persona per i tuoi ciottoli.. Usa i quattro sacchetti per raggruppare i ciottoli secondo la ripartizione sopra indicata.

Una volta raggiunto il Jamarat, ti dirigerai verso Jamarat Al-Aqaba, che è il pilastro più grande, e qui lancerai i primi sette sassi contro il pilastro di cemento. Colpirai solo questo pilastro il primo giorno.

Ad ogni lancio, dirai il Takbir:

“اللهُ أَكْبَرُ” – “Allahu Akbar” – “Allah è il più grande”

Consiglio: non avere fretta di eseguire il Rami. Molto probabilmente l’autorità dell’Hajj assegnerà un tempo prestabilito al tuo gruppo per andare a eseguire Rami. Lo fanno per ridurre al minimo il sovraffollamento e il rischio di pericolo per i pellegrini.

Cerca di non arrabbiarti ed evita di gettare i tuoi sandali o altri oggetti di valore contro i pilastri. Iblis non è contenuto all’interno del pilastro, quindi perderai solo i tuoi oggetti di valore e non ci sono vantaggi nel farlo!

12 – Qurbani/Udhiya

La festa di Eid Al Adha, o Festa del Sacrificio, è celebrata anche dai musulmani di tutto il mondo in questo giorno che non sono in pellegrinaggio, il 10°giorno di Dhul Hijjah. Offrendo una Udhiya/Qurbani (sacrificio), i musulmani segnano la volontà del Profeta Ibrahim (as) di sacrificare suo figlio Ismail (as) per comandamento di Allah swt.

13 – Giorno 4 – 11 di Dhul Hijjah: Radersi o tagliarsi i capelli

Dopo la Udhiya o Qurbani, procederai alla rasatura o al taglio dei capelli se sei maschio. Il profeta Muhammad (pace e benedizione su di Lui) si è rasato i capelli ed è l’opzione preferibile. Le donne si tagliano i capelli della lunghezza di un dito.

Ora ti è permesso lasciare lo stato di Ihram e indossare abiti comodi. Ti è anche permesso tutto ciò che era vietato durante lo stato di ihram, tranne l’intimità sessuale. Si può anche usare il profumo, poiché il Profeta Muhammad (pace e benedizione su di Lui) odorava fortemente di muschio a questo punto.

Consiglio: usate rasoi usa e getta per radere le teste tra i membri del gruppo. Se ciò non è possibile, troverai diversi barbieri a Mina che offrono questo servizio. Assicurati che utilizzino lame nuove per evitare infezioni.

14 & 15 – Giorno 5 – 12 di Dhul Hijjah: Tawaf al-Ifadha and Saai’ 

Ora andrai alla Mecca per eseguire Tawaf al-Ifadha e poi un altro circuito di Saai ‘come parte dei tuoi rituali del Hajj.

Tawaf Al-Ifada e Sa’i sono obbligatori. Devi eseguire il Tawaf Al-Ifadha e il Saai‘ dopo il Rami, il Qurbani (sacrificio) e la rasatura (o rifinitura) della testa.

Con il completamento di Tawaf e Saa’i, ti è quindi permesso di rilassarti e fare tutto ciò che era lecito prima di entrare nell’Ihram, incluso intrattenere rapporti coniugali. Tuttavia, tornerai alle tue tende a Mina e continuerai con i restanti rituali dell’Hajj.

Consiglio: l’area di Tawaf sarà estremamente affollata durante questo periodo. Prova a usare i livelli superiori dell’Haram o il tetto. Puoi farlo intorno a mezzanotte, quando tende a essere più tranquillo.

16 – Giorno 4 – 11 di Dhul Hijjah: Il secondo giorno di Rami

On the 11th Dhul Hijjah, you will proceed to your second day of Rami (the stoning of the devil).

On this occasion you pelt each of the three pillars in order. You will begin with Jamarah al-Ula (the small pillar), then Jamarah al-Wusta (the second/middle pillar) and finally, Jamarah al-Aqaba (the third/large pillar).  You stop after the first and second Jamarat to make Du’a facing the qibla. Each one should be stoned with seven consecutive pebbles accompanied by the Takbir. Remember to take your spare pebbles with you in case you lose some!

17 – Passare la notte a Mina

Una volta completato il tuo secondo Rami , tornerai al tuo accampamento a Mina e trascorrerai il resto del giorno e della notte in adorazione, sfruttando al massimo il tempo rimanente a tua disposizione.

18 – Giorno 5 – 12 di Dhul Hijjah: Il terzo giorno di Rami

On the afternoon of 12th Dhul Hijjah, you’ll have your final batch of pebbles (21 pebbles) ready to repeat the same steps as the previous day.

19 – Tawaf Al-Wida (Addio)

Ora ti resta solo un passaggio da eseguire prima di completare l’Hajj e partire dalla Mecca. Tawaf Al-Wida è l’ultimo rito che i musulmani devono eseguire.

Questo Tawaf è Wajib (obbligatorio) secondo i madaheb Hanafi, Shafii e Hanbali ma è Sunnah secondo Maliki e deve essere eseguito prima di lasciare i confini dell’Haram. L’omissione di questo Tawaf, senza un motivo valido, non è considerato lecito nell’Islam. Ibn Abbas (ra) ha narrato:

“Alle persone è stato ordinato di eseguire il Tawaf al-Wida come ultima cosa prima di partire (Mecca), ad eccezione delle donne mestruate che sono state scusate.” – Hadith

Per eseguire questo Tawaf, completerai sette giri di Tawaf. Quindi esegui due rakat e bevi l’acqua di Zam Zam. Non c’è Sa’i o rasatura/taglio dei capelli dopo questo Tawaf.

Hajj Mabrook, hai completato il tuo Hajj!

I dieci giorni migliori

Per quelli tra noi che non possono viaggiare e conseguire il Hajj: non perdiamo la speranza! I primi dieci giorni di Dhul Hijjah sono i migliori di tutto l’anno. Una seconda possibilità per guadagnare la misericordia e il perdono di Allah swt, dopo Ramadan.

Possiamo usare questo periodo per incrementare le nostre adorazioni. Questi possono includere qualsiasi cosa, come fare beneficenza, onorare i genitori, mantenere i legami di parentela, consigliare il bene e proibire il male. È anche importante migliorare i nostri atti di adorazione obbligatori tenendo a mente le nostre preghiere e assicurandoci di versare la nostra Zakat in tempo. Per quelli tra noi che non hanno ancora conseguito il pellegrinaggio, questo è anche il momento ideale per fare duaa, che Allah swt, possa concederci l’opportunità di farlo presto.

Il nostro amato Profeta (pace e benedizione su di Lui) ha detto:

“Non ci sono giorni più grandi agli occhi di Allah o in cui le buone azioni Gli sono più care di questi dieci giorni, quindi recita un gran numero di tahlil, takbir e tahmid durante questi ultimi.” – Ahmed

Si raccomanda vivamente di digiunare e ricordare il più possibile Allah swt. In questa occasione è consigliato anche sacrificare una Udhiya, per ricordare la dedizione del Profeta Ibrahim (as) ad Allah swt, ed aiutare una famiglia in difficoltà.

Dona la tua Zakat e Sadaqa durante i giorni benedetti di Dhul Hijjah e cogli i frutti di questo mese benedetto. Non dimenticare di donare la tua Udhiya in tempo per l’Eid!

© Copyrights 2024 Islamic Relief Italy, Inc. Tutti i diritti riservati. 97325770150

DONAZIONE RAPIDA